Home » L'angolo delle opinioni » Il Viaggiatore » Recensione: La Mappa dei Desideri di Carrie Ryan e John Parke Davis

Recensione: La Mappa dei Desideri di Carrie Ryan e John Parke Davis

La Mappa Dei Desideri – Carrie Ryan e John Parke Davis, libro scritto a quattro mani, edito per Mondadori.

TRAMA

Fin è un ragazzo di dodici anni, cresciuto alla Riserva degli orfani, ed è già un maestro dei ladri; certo, è molto facile essere un bravo ladro se si è “dimenticabili”!  Vive in un mondo magico, nella città di Portosenzachiave e sta per trovarsi in grossi guai.

 

 

Marrill è una ragazzina che ama viaggiare per il mondo insieme ai suoi genitori e, al momento, vive in Arizona, quando spunta all’improvviso una nave nel parcheggio di un supermercato e si troverà catapultata per sbaglio nella Corrente Pirata, un universo sconosciuto e magico .

Allungando la mano per acchiapparlo, scese dal marciapiede e si ritrovò nel parcheggio.

L’asfalto sciabordò.

Acqua tiepida le lambì i piedi, portandosi via la sabbia rimasta tra le dita. <<Ma che diavolo…?>> si chiese Marrill bloccandosi. L’intero parcheggio, asciutto fino a un attimo prima, era inondato d’acqua. Sembrava quasi un lago tranquillo. […] E in quel momento, come se le cose non fossero già abbastanza assurde, dal nulla una nave gigantesca entrò negli spazi riservati ai disabili.

Finn e Marrill si “scontreranno al volo” e inizieranno un viaggio su una nave con un equipaggio molto particolare e un anziano mago, per recuperare tutti i pezzi della leggendaria Mappa Dei Desideri, una mappa in grado di portare chi la possiede ovunque desidera.

E proprio allora, in mezzo al ruggito impetuoso, arrivò un rumore nuovo. Qualcuno gridava. Fin sbirciò dal tetto, giusto in tempo per vedere una piccola figura volare verso di lui, sospinta dalla raffica che la faceva volteggiare.

<<Buona fortuna, compagni!>> gridò ai ladri, che stavano già avanzando verso di lui, i pugnali pronti a colpire. Quindi si lanciò dal tetto, sperando di aver calcolato bene i tempi. La mano afferrò qualcosa al volo. Una caviglia, un ginocchio ossuto? Era burrospo l’odore che sentiva? E poi anche lui cominciò a girare vorticosamente, schizzando in aria, sempre più in alto.

Ma non saranno gli unici all’inseguimento dei pezzi della Mappa e presto scopriranno di essere inseguiti!

CatturaPERSONAGGI

Marrill: una dodicenne pragmatica con la passione per le avventure e un amore irresistibile per tutte le creature abbandonate, senza famiglia e bisognose di cure

Fin: ladro furbo e pieno di risorse, la battuta sempre pronta! Bisognoso d’amore (quindi immagino che nei libri seguenti formerà un accoppiata fenomenale con Marrill, per ora gli autori non si sbilanciano) è cresciuto alla riserva fino ai 7 anni, dopo di che nessuno si è mai più ricordato di lui… o quasi!

Coll: il più giovane e il più abile comandante di navi della Corrente Pirata, serio e taciturno e con un comodissimo tatuaggio!

Ardent: cerca la Mappa da 150 anni, ma non si direbbe! Ha lo spirito di un ragazzino ed anche la statura, ma almeno ha una bella barba da classico mago, lunga e bianca, è paziente e non si allarma mai troppo!

Cimadosso:

“Marrill guardò in su e spalancò gli occhi. Le cime che salivano da entrambi i lati del ponte si univano a mo’ di lunghe gambe, con le puleggie a formare le ginocchia e un bacino. Simili bizzarre formazioni partendo dall’albero di trinchetto e da quello di mezzana, costituivano una sorta di braccia. Tutto l’insieme si attorcigliava al centro, e la cosa che ne veniva fuori assomigliava a un gigante di cime intrecciate.

<<Chiedo scusa>> disse Ardent con un inchino garbato alla figura di cordame. <<E questo sarebbe Cimadosso>>.

Piratti: adorabili tuttofare della nave, dalle vele alle cartine se la cavano con tutto!

 

STILE

Il libro è narrato a capitoli alterni dal punto di vista di Marrill e Finn. Stravagante e divertente, mi ricorda Harry Potter soprattutto per quanto riguarda le invenzioni magiche, ma la scrittura è più semplice.

CONCLUSIONI

Il libro nel complesso mi è piaciuto, è divertente e ben ideato, potrebbe sembrare un incrocio tra One Piece ed Harry Potter. Gli altri personaggi della storia sono imprevedibili e i cattivi degli strambi pazzoidi! Età di lettura 10 anni.

(1335)

Recensione di "Albion" di Bianca Marconero
Recensione di "Nessun cactus da queste parti" di Mirko Tondi
The following two tabs change content below.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Cookies permettono alle Lande Incantate di riconoscerti la prossima volta che tornerai a farci visita. Navigando sulle nostre pagine ci autorizzi a farne uso per rendere la tua esperienza migliore. Maggiori informazioni | Chiudi