Home » Enciclopedie » Libri a 360° » Momo di Michael Ende

Momo di Michael Ende

Esiste un grande eppur quotidiano mistero. Tutti gli uomini ne partecipano ma pochissimi si fermano aMomo Ende - Lande Incantate rifletterci. Quasi tutti si limitano a prenderlo come viene e non se ne meravigliano affatto. Questo mistero è il tempo. Esistono calendari ed orologi per misurarlo, misure di ben poco significato, perché tutti sappiamo che talvolta un’unica ora ci può sembrare un’eternità, ed un’altra invece passa in un attimo… dipende da quel che viviamo in quell’ora. Perché il tempo è vita. E la vita dimora nel cuore.

da Momo

Momo è un romanzo di genere fantastico dello scrittore tedesco Michael Ende pubblicato nel 1973, si tratta del libro più famoso dell’autore dopo La Storia Infinita.

TRAMA

Momo è una ragazzina di dieci anni, o giù di lì. È orfana, ma è circondata da una grande famiglia di persone che gli vogliono bene. Ha una grande virtù: sa ascoltare gli altri in una maniera assolutamente unica. E ha una grande ricchezza: il tempo. Momo compare una mattina, all’improvviso, in un mondo che assomiglia molto al nostro, ma dove stanno succedendo delle cose strane. Una società di “signori grigi” che si dicono agenti della “cassa di risparmio del tempo” opera per convincere un sempre maggiore numero di persone sull’utilità di risparmiare tempo. Esso verrebbe restituito con gli interessi dopo il sessantaduesimo anno. Ma è una menzogna! Il tempo risparmiato fornisce ai “signori grigi” la materia vitale: essi possono così condurre un’esistenza parassitaria alle spalle degli altri uomini. Solo un gruppo di uomini riuniti intorno a Momo resiste all’offensiva della società segreta. Ed è proprio Momo che riesce a strappare a uno degli agenti il segreto della colossale truffa…

Momo è una ragazzina dolce, curiosa, saggia e coraggiosa sarà grazie a queste qualità che riuscirà a contrastare i suoi antagonisti nella storia i Signori Grigi, nemici  dell’intera umanità. Nella sua lunga avventura incontrerà anche dei personaggi positivi che diventeranno suoi amici, come la tartaruga Cassiopea, il saggio Mastro Hora, lo spavaldo Gigi Cicerone e il timido Beppe Spazzino.

Il Tempo

Pur essendo un romanzo per un pubblico molto giovane, Momo è un libro dove si affronta una tematica trasversaleMomo 1986 - Lande Incantate all’età; quella del tempo. Il tempo da sempre è stato oggetto di domande da parte delle società di ogni epoca ed è specialmente in filosofia che troviamo una traccia molto forte.

Tempo ed essere; essere è tempo? Se nessuno mi chiede cos’è il tempo, lo so; se debbo spiegarlo a chi lo chiede, non lo so più.

Agostino

Aristotele, Seneca e Agostino, tre pensatori classici, ci parlano del tempo in termini per noi molto attuali, “presenti” vien da dire. Il tempo, con la sua valenza psichica, filosofica e morale, rimane centrale nella nostra percezione della vita come duemila e più anni fa.

In Momo è quindi presente una tematica molto forte, ma non è tanto a una definizione del tempo a cui punta Ende, quanto a una critica di come questo sia impiegato dalla società occidentale moderna. Ovviamente questa avviene attraverso il simbolismo fantastico da cui scaturisce una critica feroce al consumismo, al modo di vivere frenetico che nel suo progresso tecnologico per di vista l’obbiettivo fondamentale dell’esistenza; la felicità delle persone e la qualità della vita. Il fatto che i Signori Grigi rubino il tempo agli abitanti è metafora dei piaceri che si ricavano dall’assaporare nell’attimo le piccole cose belle della vita.

EDIZIONI

Momo, Sei Editore, collana Sestante

Momo, Longanesi, collana Gaja Scienza

momo alla conquista del tempo - Lande Incantate TRASPOSIZIONI

Momo, film italo – tedesco del 1986 con la regia di Johannes Schaaf. Michael Ende si interesso molto alla lavorazione pellicola e appare in un cameo; è l’uomo a cui Mastro Hora racconta la storia di Momo (interpretata da Radost Bokel). La colonna sonora è stata curata da Angelo Branduardi e il film è stato girato negli studios di Cinecittà.

Momo alla conquista del tempo, è un film di animazione diretto dal regista Enzo D’Alò del 2001, la colonna sonora comprende tredici tracce,  interpretate da Gianna Nannini autrice dei testi insieme a Isabella Santacroce.

MICHAEL ENDE

Michael Ende è nato a Garmisch-Partenkirchen, un comune della Germania situato nel Land della Baviera, ed è michael ende - Lande Incantatecresciuto a Monaco. Ha frequentato la Scuola d’Arte Drammatica di Monaco e ha lavorato come attore per tre anni, ha scritto sketch e chansons. Michael Ende ottiene il successo come scrittore con il libro “Le Avventure di Jim Bottone” pubblicato nel 1960 (nel 1962 viene pubblicato in Italia da Vallecchi con il titolo “Un ferroviere e mezzo”) un romanzo fantasy per bambini. Dal 1970 ha vissuto in Italia dove nel 1972 porta a termine “Momo” romanzo sempre di genere fiabesco, si tratta dell’opera più famosa di Ende dopo “La Storia Infinita”, è stato oggetto di due trasposizioni per il grande schermo:un film nel 1986 e un lungometraggio a cartoni animati nel 2001. Michael Ende ha scritto numerosi libri per bambini e ragazzi, i suoi libri sono tradotti in 40 lingue, la sua opera omnia è stata insignita del Grande premio dell’Accademia Tedesca per Bambini e Ragazzi Volkach (1980) e il Premio dell’Accademia delle Belle Arti di Firenze (1982). Michael Ende è morto nei pressi di Stoccarda nel 1995.

 

 

(1703)

Il Grande Libro della Fantasy Classica AA. VV. a cura di Alex Voglino
Il Ciclo di Mu di Mariangela Cerrino
The following two tabs change content below.
avatar

Gioia Riccardi

« Penso che la cosa più misericordiosa al mondo sia l'incapacità della mente umana di mettere in relazione i suoi molti contenuti. Viviamo su una placida isola d'ignoranza in mezzo a neri mari d'infinito e non era previsto che ce ne spingessimo troppo lontano. Le scienze, che fi­nora hanno proseguito ognuna per la sua strada, non ci hanno arreca­to troppo danno: ma la ricomposizione del quadro d'insieme ci aprirà, un giorno, visioni così terrificanti della realtà e del posto che noi occupiamo in essa, che o impazziremo per la rivelazione o fuggiremo dalla luce mortale nella pace e nella sicurezza di una nuova età oscura. » H.P. Lovecraft, Il Richiamo di Cthulhu 1928.

2 Comments

  1. avatar SaraIE ha detto:

    Bell’articolo, Gioia, non avrei saputo fare di meglio 🙂

Rispondi a SaraIE Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Cookies permettono alle Lande Incantate di riconoscerti la prossima volta che tornerai a farci visita. Navigando sulle nostre pagine ci autorizzi a farne uso per rendere la tua esperienza migliore. Maggiori informazioni | Chiudi