Home » L'angolo delle opinioni » Nelle fauci del drago » Marked di P.C. & Kristin Cast

Marked di P.C. & Kristin Cast

Molto tempo fa mi prestarono Marked, di P.C. & Kristin Cast. Lo lessi allora e l’ho riletto da poco per recensirlo: fa schifo. È un capolavoro del trash: fa ridere quando non dovrebbe, non fa ridere quando è questa l’intenzione delle autrici, ed è pieno di fuffa.

Marked - Lande Incantate

Trama e Worldbuilding

La trama è quanto di più scontato si possa trovare: Zoey, la protagonista, viene Segnata per diventare un vampiro e poi va in una scuola di vampiri troppo cool. Ci sono momenti di vera e propria noia, come i quattro rituali che fanno al tempio e al ruscello, alternati a dialoghi allucinanti e a pensieri idioti di Zoey. Non mancano le incoerenze: tutto il libro si svolge in appena quattro giorni. In due giorni Zoey si fa delle amiche per la vita, disposte a tutto per lei.

Per quanto riguarda i vampiri, alcuni sopravvivono alla trasformazione, altri no: in questo caso il corpo non accetta il cambiamento. C’è davvero poco da dire sulla trama e l’ambientazione, per cui mi concentrerò in particolare sui personaggi.

Stile

Cito direttamente dalla recensione di Werehare, che non poteva esprimersi meglio a riguardo:

Lo stile è quanto di più irritante mi sia mai capitato sotto le mani: il narratore vorrebbe parlare come un gggiovane ma sembra qualcuno di mezza età a cui è capitato in mano un dizionario Moccia-Italiano, Italiano-Moccia e ora infila termini insensati ogni tre parole. 

Marked è scritto in prima persona, dal punto di vista di Zoey; non ci sono salti di PoV. È scritto in maniera indecente. Le autrici abusano di avverbi (spesso a coppie) e aggettivi, come bellissimo, fighissimo, fortissimo, favoloso, splendido… c’è anche un ipermegastrafigo. Metto degli stralci dal libro per farvi capire (il grassetto è mio).

GastlyEspressioni allucinanti

“Scommetto che Afrodite ha cagato piastrelle quando hai lasciato la sala di ricreazione con lui.”

 

Sconsolata - Lande Incantate

Ma è così che parlano gli adolescenti?

In realtà, mi sentivo più come un osservatore, come se niente di tutto ciò potesse toccarmi davvero (più o meno come quelle ragazze che fanno sesso con tutti e pensano che a loro non capiti di rimanere incinte o di prendersi una malattia venerea di quelle toste che ti mangiano il cervello e il resto. Be’, ci risentiamo tra una decina d’anni e poi mi dite, okay?)

Perdonate la volgarità… ma che cazzo di paragone è.

GastlyBattute che non fanno ridere

Mi alzai con la ciotola in mano e quasi andai a sbattere contro Afrodite, che, come al solito, aveva al fianco Terribile e Bellicosa. Vespa non si vedeva (magari quella mattina si era fatta la doccia e si era sciolta a contatto con l’acqua – hi hi hi!)

oppure

Un obeso gatto bianco e nero a pelo lungo scattò sui gradini davanti a noi, all’inseguimento di un micio più piccolo che sembrava il suo clone. Con tutti quei gatti in giro poteva proprio esserci necessità di vampiri veterinari (hi hi! Vamp vet… avrei potuto chiamarla così la mia clinica per gli animali, Vamp Vet, e nella pubblicità scrivere: “Prelievi di sangue gratuiti”!)

GastlyLinguaggio da SMS

Potevano mancare gli sms scritti dall’ex fidanzato sfigato di Zoey?

ZO KIAMA

T V TTT B

ZO KIAMA X FAV

DEVO VDRT

C 6?

M KIAMI?

VOGLIO PARLARTI

ZO!

KIAMAMI!

Che schifo - Lande Incantate

Personaggi

GastlyZoey Redbird

Zoey è la protagonista. Zoey viene Segnata per diventare un vampiro, ma il suo marchio è completo, a differenza di tutti gli altri. Zoey è bella, è la prescelta della dea in persona, ha come mentore la prof più fika della scuola, percepisce tutti e cinque gli elementi (nessuna c’era mai riuscita)… ed è speciale. Questo viene ripetuto costantemente.

Dalla dea Nix in persona:

Credi in te stessa, Zoey Redbird. Ti ho Segnata come mia. […] Tu sei speciale. Accetta questo lato di te e comincerai a capire che la tua vera forza risiede nel tuo essere unica. […] Tu sei più grande della tua età, Zoeybird.

Dal Neferet, la sua mentore:

Tu sei unica, Zoey Redbird.”

Dalla nonna:

“Zoey, ma tu sei speciale. Lo sei sempre stata. Perché le cose dovrebbero cambiare adesso?”

Da Neferet, again:

“Zoey Redbird, sapevo che eri speciale fin dal giorno in cui Nyx mi ha lasciato prevedere che staresti stata Segnata.

Da Erik:

[…] Ma di certo non sei una normale novizia e in questo non c’è niente di male. Tu sei speciale, Zoey, e quello che è speciale può essere stupefacente.”

Mamm ro Carmn - Lande Incantate

Zoey è odiosa. È una moralista del bip che non fa altro che giudicare, giudicare, giudicare male tutto ciò che non le va a genio. Per esempio si scandalizza per il sesso orale:

Sì, certo, sapevo del sesso orale. Dubito che al giorno d’oggi in America ci sia un’adolescente che non sia consapevole del fatto che la maggior parte degli adulti pensa che distribuiamo pompini come loro distribuivano cicche (o lecca lecca, per restare in tema). Okay, questa è una stronzata clamorosa, che mi ha sempre fatto incazzare da matti. È ovvio che ci sono ragazze che pensano sia “figo” fare un bocchino ai ragazzi, ma, be’, si sbagliano. Quelle di noi che hanno un cervello funzionante sanno che non c’è niente di figo nel farsi usare in quel modo. Okay, quindi sapevo dei pompini, ma di certo non ne avevo mai visto fare uno. Perciò quello che era appena successo mi aveva decisamente fatta sbroccare. E a farmi sbroccare ancora di più della schifezza che lei faceva a lui era stata la mia reazione alla vista di sangue.

Ma ve le immaginate una madre e una figlia scrivere una roba simile? È vomitevole.

Inoltre Zoey non fa altro che affermare una cosa, per giustificarsi nella frase dopo:

A dire il vero, anche il sole al tramonto mi faceva formicolare la pelle dandomi una strana sensazione, che mi rendeva contenta che fosse la fine di ottobre e finalmente l’abbassarsi delle temperature mi permettesse d’indossare la mia giacca con cappuccio Borg Invasion 4D (certo, viene da Star Trek: The Next Generation e l’ho presa durante una gita a Las Vegas, e sì, lo ammetto, mi capita di essere una fan idiota e convinta di Star Trek) che per fortuna mi copriva la maggior parte della pelle.

Oppure

In realtà si trattava di una porta segreta, tipo quelle che ci sono nei vecchi film gialli, solo che, invece di essere in una libreria o dentro un caminetto (come nei film d’Indiana Jones… sì, sono una sfigata), questa era una piccola sezione dello spesso e altrove massiccio muro di cinta della scuola.

Per finire, giudica Sarah Jessica Parker.

[…] Era una biondina praticamente perfetta. A dire il vero mi ricordava una versione giovane di Sarah Jessica Parker (che non mi piace, tra l’altro, perché è così… così… noiosamente e innaturalmente sgallettata).

Ma come ti permetti - Lande Incantate

GastlyNeferet

Anche prima di alzare gli occhi dal mio riflesso sapevo che sarebbe stata unica e splendida. Avevo ragione. Era bella come una diva del cinema, bella come Barbie. Non avevo mai visto niente del genere da vicino. Aveva grandissimi occhi a mandorla di un intenso verde muschio. Il viso era un cuore quasi perfetto e la pelle aveva quella cremosa compattezza priva del minimo difetto che si vede in TV. I capelli erano rosso scuro, non l’orribile rosso-carota-tendente-all’arancio, né lo slavato biondo rossiccio, ma un caldo e lucido color rame che ricadeva in folte onde fino a ben sotto le spalle. E il suo fisico era… be’, perfetto. Non era magra come quelle ragazze strampalate che vomitavano e facevano la fame per cercare di raggiungere quello che pensavano fosse lo chic di Paris Hilton (“Questo è fiiigo! Sì, certo, Paris, se lo dici tu), il corpo di quella donna era perfetto perché era forte ma tutto curve. E aveva delle grandi tette (come mi piacerebbe avere delle tette grandi!)

Due piccioni con una fava: classica descrizione di Marked più giudizio imbecille di Zoey. Potrei fare copia incolla: tutti gli altri vampiri sono bellissimi, fighissimi, issimi. A parte gli sfigati, owio.

Inoltre Neferet confessa a Zoey di essere stata abusata da bambina: ok che sei la sua mentore, ma perché aprirsi così dopo manco due giorni che la conosci?

GastlyAfrodite

“Afrodite non può diventare Somma Sacerdotessa. È egoista e odiosa, e lo sono anche le sue amiche.” […] “Oppure è un diavolo dell’inferno e trae i suoi poteri dal lato oscuro della forza. Pronto? Nessuno ha visto Guerre Stellari? Era difficile pensare che Anakin Skywalker potesse diventare cattivo e guarda invece com’è andata.” […] “Afrodite se la cava troppo liscia per tutte le stronzate che fa. È cattiva. È egoista. Non può essere lei quella che Nyx vuole come Somma Sacerdotessa.”

Tutto questo Zoey lo pensa dopo solo due giorni. Due giorni in cui ha “conosciuto” Afrodite (e ha avuto pochissimi dialoghi con lei).

Afrodite è l’unica che mi sta veramente simpatica in questo libro. Tifo per lei.

Vacca odiosa. […] Indossava un vestito di seta rossa dall’aria antica che le stava come se gliel’avessero dipinto addosso. Avrei  proprio voluto sapere dove cavolo si vestiva. Nella boutique zoccola dark?

Gastly Stevie Rae

Di Stevie Rae c’è poco da dire. È biondissima e perfettissima ovviamente, ma ha i capelli corti. È una vera Okie, made in Oklahoma al cento per cento! e si esprime come una idiota. Dice cose tipo Giààà, Ohsììì! e così via.

Gastly Damien Maslin

“È lui è il rappresentante maschile del nostro gruppo, Damien Maslin. Però è gay, quindi non sono sicura che conti davvero come un ragazzo.
Invece di arrabbiarsi con Stevie Rae, Damien mi guardò tranquillo. “In realtà, dato che sono gay, credo che dovrei contare come due ragazzi e non uno soltanto. Voglio dire, con me avete il punto di vista maschile e non dovete preoccuparvi che voglia toccarvi le tette.”
Aveva un viso liscio, senza la minima traccia di acne, capelli castani e occhi marrone scuro che mi fecero venire in mente un cerbiatto. A dirla tutta, era proprio bello. Non nel modo effeminato di molti ragazzi quando decidono di uscire allo scoperto e dire a tutti quello che tutti sanno già (be’, tutti tranne i loro genitori tipicamente tontoloni e/o in fase di negazione), Damien non era il tipo tutto moine da femmina mancata, ma un bel ragazzo dal sorriso simpatico.

Damien, l’esperto di tutto ciò che riguarda il pene (cit. Erin) è odioso almeno quanto Zoey. Interviene per correggere le frasi delle amiche, si esprime in termini aulici, e ogni tanto se ne esce con frasi tipo:

“Spiego io, dimostrando una volta di più quanto sono utile a questo gruppo, pene o non pene.”

GastlyErin e Shaunee 

C’è poco da dire anche qui. Queste due ragazze, ovviamente bellissime, sono chiamate gemelle. Anche loro si esprimono come due idiote. Vi risparmio altre citazioni che è meglio.

GastlyErik Night

Lui entrò e, oh buon Dio caro, credetti che il cuore mi si fosse fermato. Di certo rimasi a bocca spalancata come un’idiota. Era il ragazzo più meravigliosamente stupendo che avessi mai visto. Era alto e aveva i capelli scuri che si arricciavano alla Superman. Adorabile. E gli occhi erano di un incredibile azzurro zaffiro e…

Ovviamente il bonazzo più figo di tutto il pianeta (cit. Erin) non poteva non innamorarsi di Zoey perché sì in soli due giorni. Infatti:

“Zoey, nessuna mi ha mai fatto provare quello che provo con te. […] Quello che mi faceva provare Afrodite era soltanto fisico. Tu, invece, mi tocchi il cuore.”

Tutto questo dopo due giorni e un bacio. Manco gli Elagna arrivano a tale livello!

Conclusioni

Marked è un pessimo romanzo. Le citazioni che ho fatto non sono esempi isolati: il libro è scritto tutto così. Per tutto il libro trapela la sensazione che tutto ciò che facciano i protagonisti sia figo (tipo Damien che fa il punto croce), mentre il resto sia da sfigati/idioti.

Non consiglio questo libro a nessuno, a meno che non siate amanti delle trashate americane. Ma attenzione: dovrete armarvi di pazienza e buona volontà, perché la tentazione di gettarlo via dalla finestra sarà forte. Se continueranno a prestarmeli, forse recensirò pure gli altri. È troppo divertente. Restate sintonizzati.

Voto: 1/10

Per leggere tutte le mie altre recensioni, clicca qui.

(1631)

Le Cronache di Narnia - il Nipote del Mago di C. S. Lewis
Il Mago di Ursula K. Le Guin - Recensione
The following two tabs change content below.
avatar
Ho indossato il Cappello Parlante insieme a Harry, Ron e Hermione; ho consultato l'aletiometro con Lyra; ho partecipato alla creazione di Ea e sono stato invisibile con Bilbo; ho viaggiato con Ged su migliaia di isole, tra diversi mondi con Pug, e su diversi piani con Sita Dulip; sono stato un reietto con Shevek e ho cavalcato draghi con Dany; ho sghignazzato con Bartimeus e cavalcato su Aslan; ho intrapreso viaggi interminabili con Frodo, Tasslehoff, Sutty, Drizzt, Phèdre, Morgon... E sono ancora qui.

9 Comments

  1. avatar Christian ha detto:

    Ho letto Marked molti anni fa quando ero giovane e inesperto, e allora mi aveva divertito. Sono andato avanti a leggere i capitoli successivi della saga fino a che verso il quinto (o il settimo?) mi sono chiesto che cazzo stavo leggendo e ho chiuso. Marked è un libro confezionato appositamente per acchiappare pollastre di tutte le età e di ambo i sessi che vogliono leggere di una Mary Sue a cui la sorte ha conferito tutti i talenti naturali possibili, in barba a quei cretini che per conseguire un’obiettivo o un’abilità si impegnano. Lo stile e schizofrenico, alternando fra linguaggio da adolescenti semianalfabeti a intellettuali da strapazzo.
    Gli amici di Zoey sono ridicoli: le gemelle sono un personaggio unico diviso in due, perfino Aphrodite nei libri successivi le prenderà in giro chiamandole “cervello in comproprietà”, in pratica sono le stesse autrici ad ammettere che quelle due non hanno personalità distinguibili.
    Il gay saccentello è la quota rosa shocking della storia, fatta per attirare le pollastre di sesso maschile. Non effemminato ma nemmeno virile, non lagnoso ma nemmeno forte, la classica mascotte gay della comitiva di ragazze.
    Ma avevamo già capito che l’originalità non è il forte di questo romanzo.
    Il mondo è completamente privo di magia, e con il lroo linguaggio da ritardati i protagonisti insicono sempre col ridicolizzarne le dinamiche. Ovvio, è facile, sono già ridicole.

    (Non) ti raccomando di proseguire con la lettura, perché per allungare la trama in quindici libri le autrici ci hanno messo dentro di tutto. DI TUTTO. Dopo aver visto il ritorno dei vampiri stockeriani, angeli caduti, e sciamanesimo celtico, tutto trattato con somma superficialità, ho capito che si stavano muovendo a caso quelle due e ho chiuso.
    Posso senz’altro concedere loro il pregio di essere prolifiche. Scrivono libri con la rapidità di Bruno Vespa, e questo le classifica come scrittrici di successo perché hanno monetizzato la scrittura (a differenza di chi resta in stallo per anni sulla sua opera prima) ma la qualità non è pervenuta

  2. avatar Nymerios ha detto:

    Ciao Christian, ti ringrazio per il commento!
    Hai centrato perfettamente il punto: Marked è un libro idiota scritto apposta per piacere ai gggiovani (e a quanto pare è riuscito nell’intento, date le recensioni entusiastiche che leggo!). Non ho intravisto nessun guizzo di originalità. Niente. Il fatto dei ‘fantasmi’ dovrebbe in teoria incuriosirmi, ma in pratica non me ne frega assolutamente nulla. Come tu stesso dici, non avevo dubbi che nei seguiti avessero messo nel calderone di tutto e di più. Però che coraggio essere arrivato al 7° 😛

    La storia è ridicola: Zoey in quattro giorni quattro riesce a spodestare Afrodite da capo delle figlie oscure. E perché? Perché Afrodite è kattiva, fa sesso orale e giudica male gli esseri umani. Poi riesce a farsi degli amici strettissimi in due giorni. Amici devoti e fedelissimi. Gli amici di Zoey riescono se possibile ad essere ancora più insopportabili: basta vedere i dialoghi.

    Personalmente Afrodite è l’unica cosa di tutto il romanzo che mi è piaciuta, per questo l’1/10. Altrimenti sarebbe stato zero. Posso sperare in una qualche evoluzione del suo personaggio, o sarà totalmente random?

    Per non parlare dello stile. Non ho nominato le odiosissime espressioni con i trattini!

    Non si salva proprio niente. Ma anche per gli amanti del trash come me c’è un limite: per riprendermi da tanta schifezza mi sono buttato sulla mia amata Ursula Le Guin.

  3. avatar Chris ha detto:

    Più che coraggio è stata incoscienza. Ero in cerca di un libro facile dalla trama scorrevole con la morbosità di Beautiful e in questo la saga di Marked ha centrato il segno. Poi frequentavo brutta gente a cui il libro piaceva e me li sono fatti prestare. Non ho cacciato un euro personalmente per leggere quella roba e ne sono contento.

    Afrodite nell’arco di metà del secondo libro diventa una buona, il classico amico scontroso e sarcastico, narrativamente indispensabile quando il resto del gruppo è costituito da buoni ritardati privi di personalità. È quasi metanarrativa perché esprime le opinioni che le stesse autrici e lettore si sono fatti sui personaggi. Ad esempio, oltre alla battuta del “cervello in comproprietà” si riferisce a sè stessa dicendo “lo so, amate odiarmi”.
    Lungi da me definirla un personaggio riuscito, è solo la risulta di un processo di accumulo di schifo che ha appunto di scarto qualcosa di buono. Non di veramente buono. Diciamo un buono fisiologico sotto il minimo sindacale.

    Ah, mi sono dimenticato di accennare ai messaggini dell’ex-fidanzato di Zoey: qua ritengo più biasimevole il traduttore che le autrici. Avrai notato che l’inglese colloquiale di internet è stracolmo di abbreviazioni come lol, tbh eccetera, alcune anche presenti in articoli giornalistici di un certo tenore, come aka (also known as). La lingua inglese è piena di parole brevi, suoni graffianti con poche vocali già di suo. Evidentemente le abbreviazioni non suonano stridenti nella loro lingua come lo sono nella nostra e continuano a essere utilizzate senza che diano poi molto fastidio.
    Quindi io avrei tradotto usando parole complete, al massimo il classico “k” al posto del “ch”. Ma non si sono impegnati molto nemmeno con la traduzione e questo è evidente anche in altri punti del romanzo.

    • avatar Alessandro Zuddas ha detto:

      In merito alle traduzioni:
      “Scommetto che Afrodite ha cagato piastrelle quando hai lasciato la sala di ricreazione con lui.”

      La frase fatta “cagare mattoni” (più che piastrelle) è un modo di dire colloquiale che negli ultimi tempi si è diffuso tra i giovani e, stando ad Urban Dictionary (http://it.urbandictionary.com/define.php?term=shit+a+brick) significa:
      “Something that is so shocking, unusual, or angering that it would make you ”shit a brick””
      In pratica serve ad indicare una forte sorpresa. Inutile dire che in italiano abbiamo cinquanta modi di dire diversi per indicare lo stesso concetto, ma il traduttore si è limitato a convertire parola per parola il testo originale.

      • avatar Chris ha detto:

        Del resto, sarebbe forse valsa la pena lavorare seriamente alla traduzione di un romanzo così?

        • avatar SaraIE ha detto:

          Anche nella versione tedesca suppongo che la traduzione sia stata poco accurata, tuttavia molte espressioni (tipo “meravigliosamente stupendo”, “lol”,” inventiamoci una storia, la protagonista deve assolutamente essere un vampiro buono…
          esistono argomenti con i gay? -> inseriamo un gay nel gruppo della protagonista!
          …ma esistono anche le lesbiche… -> mettiamo insieme Steve Rae e Aphrodite!
          Santi numi, ma Damien deve per forza restare solo? -> no guarda, ora c’è supertecnologico Jack!
          esistono mostri che abusano delle bambine? -> oh, dai mammina, facciamo soffrire Neferet!
          mamma, mi sento tradita dal mio amico -> sfogati su zo, ma non fare che la tradisca un amico, sono troppo pappa e ciccia, come cicche incollate alla suola delle scarpe di zo… fai che Neferet trami contro Zo, ok?
          Oddio, quanti pregiudizi su Oklahoma -> Ehi, figliola, la migliore amica di Zoey che accento avrebbe se venisse da lì? Stona?
          Mamma, che è questa storia nella Bibbia degli angeli caduti? -> Guarda bambina mia, te l’ho appena scritta in chiave fantasy, la inseriamo nel nostro racconto?
          Santi numi, gli estremisti religiosi -> il patrigno di Zoey sarà un estremista religioso!
          ci si bisticcia sul fantasy, se censurarlo per ragioni cattoliche? -> mettiamoci una suora che accetta i vampiri e la dea pagana!

          Oh gente, ho espresso il patronum: sono andata a caccia di cioccolata, dopo questo dissennatore della letteratura fantasy!

        • avatar SaraIE ha detto:

          SCUSATE, E’ PARTITO SOLO METÀ MESSAGGIO. RITENTO IN DUE PUNTATE:

          Anche nella versione tedesca suppongo che la traduzione sia stata poco accurata, tuttavia molte espressioni (tipo “meravigliosamente stupendo”, “lol”,” <3 U so" & co.) sono state tenute in lingua originale, il che ha reso un po' più vivace la lettura e ha anche eliminato l'effetto "O.O WTF???"

          Mi sono attaccata al racconto in una fase di "non ho nulla da leggere", mi sono catapultata in libreria, ho chiesto se avevano una scaffalata fantasy. La commessa mi raccomandò caldamente "Marked". Devo dire che l'inizio poteva anche andare, sono abituata a situazioni ancora più allucinogene per colpa di altri racconti, che però almeno non avevano personaggi scontati e "perfetti nella loro unicità" ad ogni angolo. Alla terza descrizione "magnifica" ho iniziato a saltare le descrizioni e a leggermi solo i dialoghi: basta e avanza.

          All'entrata dell'angelo caduto, o qualsiasi cosa sia in italiano Kalona, ho buttato via il libro. Una suora che definisce una dea pagana un'"apparizione della Madonna"?! Già erano schizzati i personaggi, ma quella per me è stata la prova che le autrici stavano cercando di creare un minestrone sociale.

  4. avatar SaraIE ha detto:

    ECCO LA SECONDA PARTE:

    Insomma, il romanzo per me può essere riassunto così:
    Perché i vampiri fanno sempre i cattivi? -> inventiamoci una storia, la protagonista deve assolutamente essere un vampiro buono…
    esistono argomenti con i gay? -> inseriamo un gay nel gruppo della protagonista!
    …ma esistono anche le lesbiche… -> mettiamo insieme Steve Rae e Aphrodite!
    Santi numi, ma Damien deve per forza restare solo? -> no guarda, ora c’è supertecnologico Jack!
    esistono mostri che abusano delle bambine? -> oh, dai mammina, facciamo soffrire Neferet!
    mamma, mi sento tradita dal mio amico -> sfogati su zo, ma non fare che la tradisca un amico, sono troppo pappa e ciccia, come cicche incollate alla suola delle scarpe di zo… fai che Neferet trami contro Zo, ok?
    Oddio, quanti pregiudizi su Oklahoma -> Ehi, figliola, la migliore amica di Zoey che accento avrebbe se venisse da lì? Stona?
    Mamma, che è questa storia nella Bibbia degli angeli caduti? -> Guarda bambina mia, te l’ho appena scritta in chiave fantasy, la inseriamo nel nostro racconto?
    Santi numi, gli estremisti religiosi -> il patrigno di Zoey sarà un estremista religioso!
    ci si bisticcia sul fantasy, se censurarlo per ragioni cattoliche? -> mettiamoci una suora che accetta i vampiri e la dea pagana!

    Oh gente, ho espresso il patronum: sono andata a caccia di cioccolata, dopo questo dissennatore della letteratura fantasy!

  5. avatar Carlotta ha detto:

    Che romanzo brutto. È il tipico romanzo che avrebbero potuto leggere le mie ex compagne di classe e che avrebbe finito per lavare loro il cervello e aumentare il mio disagio nel mondo del liceo. Purtroppo conosco gente che potrebbe apprezzarlo e ispirarsi alle protagoniste per adeguarsi a chissà quale standard. Rido per non piangere. xD

    Comunque concordo su tutta la linea con te e il sintetico giudizio di Werehare. Sembra scritto da una catto-bigotta che cerca di adeguarsi senza successo al mondo degli adolescenti. A parte quello delle più ignoranti, a cui mi riferivo sopra.
    Mi fossi trovata a leggerlo, probabilmente avrei finito col scaraventarlo fuori dalla finestra. È uno speciale mix di bigotto, sessista e cafone.
    E il mio animo da cinefila si è sentito terribilmente offeso quando a ogni citazione filmica si definiva “una sfigata”. Ma che cazz- =___=

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Cookies permettono alle Lande Incantate di riconoscerti la prossima volta che tornerai a farci visita. Navigando sulle nostre pagine ci autorizzi a farne uso per rendere la tua esperienza migliore. Maggiori informazioni | Chiudi