Home » Enciclopedie » Fantasy Art » Il drago nell’arte orientale e nelle opere di Chen Rong

Il drago nell’arte orientale e nelle opere di Chen Rong

Il drago è sicuramente uno degli animali fantastici più affascinanti e ritratti di sempre. La sua simbologia è interessante perchè riflette diverse sfaccettature, rappresenta il bene e il male, a seconda dell’emisfero terrestre.

In Occidente ad esempio, è sempre stato inteso come un simbolo negativo, un mostro malefico portatore di morte, sventure e distruzione, dal sangue velenoso, capaci di sputare fuoco emettendo boati demoniaci, probabilmente questo a causa del suo aspetto simile a quello di un grandissimo serpente, simbolo del male e dei peccati primordiali.

Gli orientali, invece, hanno sempre avuto una concezione positiva del drago, fin dalle antichità, essi lo ritengono un animale portatore di fortuna, bontà, forza, potenza spirituale, saggezza, e inoltre rappresenta per loro l’immortalità e l’infinito. Anticamente pensavano che esso annunciasse la pioggia, distribuisse fertilità o portasse qualche felice avvenimento politico, come l’annunciazione dell’imperatore, in quanto simboleggiava anche la funzione che spettava all’imperatore di assicurare i ritmi stagionali e lo scorrere della vita.

Molti sono gli artisti rimasti affascinati da questa figura, ma il più devoto è senza dubbio il pittore cinese Chen Rong.

 

 Nove Draghi, Chen Rong - Lande Incantate  Nove Draghi  Chen Rong - Lande Incantate         Nove Draghi – Chen Rong

Nove draghi  è sicuramente la sua opera d’arte più famosa. Fu realizzata nel 1244 a inchiostro su ceramica smaltata su una seie di grandi muri a schermo che attualmente si trovano nel museo della città di Boston, ma originariamente furono dipinti nelle città di Pechino e Datong. Chen Rong in questa opera rappresenta 9 draghi di specie diverse che fanno capolino e volteggiano tra le nuvole nel cielo, infatti, secondo una credenza popolare, esistevano diverse specie di draghi, e ognuna di esse rappresentava qualcosa di diverso. Ad esempio i draghi a 5 artigli rappresentavano l’imperatore, mentre quelli a tre artigli spettavano a tutti gli altri di basso rango. Ogni opera orientale rispettava questa gerarchia, ed ogni specie aveva una sua peculiarità e veniva collocata in diversi posti, soprattutto nell’architettura e nelle sculture: i draghi Qiuniu, ad esempio, amano la musica,

draghi Qiuniu - Lande Incantate

i Chiwen sono draghi d’acqua,

Draghi Chiwen - Lande Incantate

i Bixi sono appassionati di letteratura e sono raffigurati in cima alle steli,

Draghi Bixi - Lande Incantate

i Baxia invece alla base delle stesse perchè capace di sopportare grandi pesi,

 Draghi baxia - Lande Incantate

i Suanmi sono spesso scolpiti sul trono di Buddha per la sua propensione al riposo,

 Draghi Suanmi - Lande Incantate

I Pulao vengono sempre raffigurati sulle campane e sui gong,

Draghi Pulao - Lande Incantate

i Chaofeng appaiono alle estremità scolpite delle travi dei templi per la loro inclinazione al pericolo,

Draghi chaofeng - Lande Incantate

i Yazi sono raffigurati sull’elsa delle spade;

Draghi Yazi - Lande Incantate

e infine i Bi’an si allungano sull’architrave e sulle porte delle prigioni.

Draghi Bi'an - Lande Incantate

(557)

L'Unicorno nell'arte
Le sirene dall'antica Grecia al Novecento
The following two tabs change content below.
avatar
Creatrice di illustrazioni, grafiche, fotografie, pezzi editoriali, torte e cocktail. Coltivo sogni e piante carnivore
avatar

Ultimi post di claspina (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Cookies permettono alle Lande Incantate di riconoscerti la prossima volta che tornerai a farci visita. Navigando sulle nostre pagine ci autorizzi a farne uso per rendere la tua esperienza migliore. Maggiori informazioni | Chiudi