Home » Storie e racconti » Run J. Run » Di disegni e di follie

Di disegni e di follie

 Josh trascinò di forza Alex in un angolo, sembrava sconvolto.
-L’hai visto?-
Alex era leggermente confusa.
-Che?-
Josh spiegò velocemente che quei disegni, rappresentavano esattamente i loro due viaggi.
-Vuoi dire che tua sorella ha sognato i nostri sogni?-
Josh annuì, anche se la parola sogni per i suoi viaggi l’aveva leggermente infastidito. Si riscosse però andando a prendere i fogli dove Rosy aveva disegnato il suo incubo.
-Rosy, i fogli, quelli con l’incubo di stanotte-
Rosy era un po’ confusa, suo fratello stava urlando e Alex cercava freneticamente insieme a lui i suoi disegni.
-Sono qui, a che cosa di servono?-
Josh non le rispose ma le strappò o fogli di mano.
-Ahi, mi ha fatto male-
Rosy si era tagliata un dito con la carta, e sanguinava leggermente.
-Scusa-
Josh dopo il piccolo urlo di dolore della sorelle si risvegliò da quel suo momento di follia.
-Scusami piccola-
Rosy mise il broncio e senza ritirare nulla o dire niente se ne andò in camera tua.
-La mamma si arrabbierà moltissimo-
Alex le sorrise, lo trovava buffo, e conoscendo sia Rosy che Josh, era sicura che si sarebbero dimenticati in fretta di quella faccenda.
-Ho qui i fogli-
Il suo tono cantinelante fece apparire un sorriso sul volto del ragazzo.
-Vediamo-
Controllati i disegni, decisero che se andava tutto come le volte precedenti sarebbero tornati nello stesso istante di quando se ne erano andati, non sarebbe stato male.
-Andiamo di sopra-
Josh disse alla sorella di non combinare guai mentre lui era in camera sua, e lei senza degnarlo di uno sguardo annuì solamente.
-Ok, che facciamo?-
Alex era euforica, aveva già deciso che non sarebbe stata lei ad indossare gli stivali, ma Josh, anche perché tra i due la migliore esperienza l’aveva avuta lui.
-Ci porteremo qualche cosa, le cose che ci potrebbero servire-
Josh andò di sotto e prese delle bottigliette d’acqua e del cibo, giusto perché in sole due volte erano rimasti senza acqua.
-E qualche cosa per sopravvivere?-
Purtroppo il ragazzo non aveva niente che poteva essergli utile, si dovevano accontentare di tagliacarte e mazze da baseball.
-Di mazze ne prendo un paio nel caso si rompano-
Caricati come se dovessero andare sulla luna erano pronti a partire.
-infilati le scarpe-
Josh la guardò male, ma non commentò.
-Una volta per uno-
Si sedette sul letto e si sfilò le sue, cercando di mettere quelle che una volta era state di Alex.
-Hai il piede piccolo-
Dopo svariati tentativi riuscì ad infilarne una.
-Ma bravo, adesso prova anche con l’altra, se ci impighi un po’ meno tempo sarebbe meglio-
Per quella affermazione Alex si beccò un’occhiataccia.
-Sei pronta?-
La rossa annuì.
Il buio e un rumore assordante lì investì.

(452)

Di scompensi e disegni
Di Draghi e domande
The following two tabs change content below.
avatar

Pepper Snixx Heat

5 libri da riscrivere se finisse il mondo e la letteratura mondiale venisse distrutta: -La saga di harry Potter -Se una notte d'inverno un viaggiatore -Il mago di Oz / Straga: cronache dal mondo di Oz in rivolta -La bibliografia completa di Stephen King -20 000 leghe sotto i mari
avatar

Ultimi post di Pepper Snixx Heat (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Cookies permettono alle Lande Incantate di riconoscerti la prossima volta che tornerai a farci visita. Navigando sulle nostre pagine ci autorizzi a farne uso per rendere la tua esperienza migliore. Maggiori informazioni | Chiudi