Home » Storie e racconti » L'ombra e la tempesta » Capitolo 33 – Volo nautico

Capitolo 33 – Volo nautico

Sottofondo musicale
Fa che non sia tardi!, urla tutto in me.
Se arrivo tardi, mi ci vorrà una giornata intera per raggiungere la Città delle Fate, fare rapporto ai sovrani e per giunta chiedergli di farmi accompagnare sulla Terra.
E nel frattempo Peter potrebbe aver ucciso Wendy e il capitano aver raggiunto la Terra. Dopo le parole di Orchidea, non so proprio quale delle due cose mi sembra più spaventosa, ma cerco di non pensarci. Il capitano sente la paura come il Cacciatore Nero trova sempre tutte le tracce, a detta di Volpino. Devo liberare la mia fata dal capitano, oppure volare sulla Terra nascosto nella nave per avvertire Peter e Wendy dell’arrivo dei pirati.
Siamo messi male, siamo davvero messi male!
Wendy la Tempesta, Peter l’eroe… sono destinati a combattersi, a essere nemici, ma se Peter vince l’Isola non ha più una Tempesta che costringe l’eroe a mettere in equilibrio la lotta eterna fra la paura e la fantasia! Ecco perché negli ultimi anni tutto è diventato strano, perché non c’era la Tempesta! Eppure, se riporto Wendy sull’Isola, lei è un mangiatore e distruggerà comunque l’Isola.
E’ come la pietra nella Cascata del Cielo: ruota e ruoterà sempre, all’infinito, finché scenderà acqua dalle montagne.
Peter non sa cosa sta facendo. O forse sì, ma non riesce a vederne le terribili conseguenze. Se Wendy muore, l’unica via d’uscita è che ci sia un nuovo eroe sull’Isola, e lui dovrebbe morire. Ma se lui muore, muore anche la fantasia… e rimarrebbe solo la paura… sì, le fate hanno decisamente combinato un bel casino a voler giocare con il destino.
Eppure, se non lo facevano, io non avrei più avuto il mio migliore amico.

Raggiungo la Baia dell’Est, la nave pirata è già qui, sempre ancorata. Probabilmente hanno seguito la direzione che io e Peter abbiamo preso dopo la battaglia, per questo stanno qui. Mi tuffo dove so di poterlo fare senza rischiare di morire, sperando che il rumore creato dalla cascata mascheri il mio pluff.
Inizio a nuotare e sento però il canto delle sirene. Devo resistere, devo resistere per forza! Sarebbe così facile arrendersi al canto, così bello perdersi in un passato dove non ho tutti questi guai… vorrei delle avventure tranquille, dove nessuno rischia la vita…
Flash… i bambini che avevano scelto di crescere. I mangiatori adulti.
No, basta, io non mi arrendo! Peter c’è ancora!
“ACQUABELLA!”, grido. E’ la sola cui io possa rivolgermi, l’unica che può salvarmi.
E lei rischia, ancora una volta. Viene a salvare un umano senza alcuna buona ragione se non quella di un cuore generoso sotto il suo canto ingannatore.
Per un attimo ho l’impressione che Acquabella tradisca la mia fiducia, in realtà mi sta facendo fare il giro della nave passando sotto ad essa, probabilmente per convincere i pirati che io ormai sia perduto. Alla fine del giro arrivo finalmente a respirare, sputando acqua dolce e salata al contempo. La Baia dell’Est è nota per questo misto curioso, quasi visibile.
Acquabella apre bocca, canta, forse vuole chiedermi qualcosa, ma fra noi c’è chiaramente poca intesa: parliamo due lingue diverse. Io mi tolgo i capelli dagli occhi e vedo la nave levarsi in volo dopo aver sparato colpi di cannone da tutte le parti. Probabilmente voleva accertarsi che ci restassi secco. Ho i riflessi pronti nonostante la tosse e mi aggrappo alla catena alla quale è issata l’ancora. Levandomi in aria sventolo appena la mano, cercando di ringraziare così Acquabella e di dirle allo stesso tempo che le saluto Wendy.
I suoi capelli neri le coprono le spalle e il busto mentre la guardo diventare una minuscola macchia sotto di me. Mi impedisco di tossire ancora, tradirebbe la mia posizione. Quando l’ancora finalmente smette di ondeggiare troppo forte e la ciurma non la tira più su di così, inizia la mia lotta contro la forza di gravità e le vertigini. Non soffro di vertigini, no, altrimenti sarebbe proprio dura essere il migliore amico di Peter, però avere un po’ di rispetto non fa male. Insomma, al momento di certo non so volare e se mi perdo, in questi cieli, a detta di Orchidea e Peter è sicuro che non ritroverò mai più la strada.
Mi isso all’oblò dal quale fuoriesce ormai solo l’ancora. Sbircio cauto dentro, vedendo che è tutto completamente al buio, isso entrambe le braccia con più calma e proseguo la rampicata fin sotto la polena, uno scheletro perfettamente intagliato, al punto che posso poggiare i miei piedi su quelli dello scheletro e la mia testa resta sta dentro al torace. Mi tengo stretto alle costole di legno con le mani.
Fra le stelle e le sfere luminose sopra le quali voliamo vedo l’Isola svanire sempre più lontana all’orizzonte, mentre la Terra diventa man mano un pugno, poi una palla, alla fine un mondo intero. E’ davvero assurdo tutto quello che sta succedendo. Ma se ho un modo per salvare l’Isola e quindi anche Peter, la cosa migliore che posso fare è avvertirlo che i pirati hanno lasciato l’Isola e che abbiamo un problema più grosso che occuparci di Wendy.
In fin dei conti Wendy non vuole male a nessuno di noi due e nemmeno all’Isola. Dopo aver salvato l’Isola, possiamo riparlare di eroi, ombre e tempeste.

Riconosco ancora una volta il Big Ben, e poi vedo il capitano dare l’ordine di nascondersi tra le nuvole. Manda giù lo Spadaccino Sanguinoso e Roger Smith in avanscoperta. Devono trovare l’indirizzo di Wendy.
Ecco il vantaggio che è un mangiatore, penso d’un tratto; Non ha paure che puoi fiutare. Io decido che è il momento di mettermi in azione. Devo trovare la fata e mettere in chiaro la situazione. Lei deve restare prigioniera, altrimenti i pirati atterrano sulla Terra e apriti cielo chissà che succede. Ma deve darmi la polvere di fata di cui ho bisogno per arrivare da Wendy. Io sono già indietro di Peter Pan di almeno mezz’ora, il tempo di correre dalla casa di Orchidea fino alla Baia dell’Est.
Peter potrebbe già essere arrivato fin da lei.
E poi, cos’hanno fatto fino ad adesso? Una chiacchierata in santa pace, oppure una lotta all’ultimo sangue? Non ne ho idea. Non devo pensarci adesso, mi verrebbe la paura e non me lo posso permettere.
Arrivo, passando di oblò in oblò, alla cabina del capitano, con le sue grandi vetrate. Trovare la fatina non è un’impresa. Ha una luce bianca e azzurra, come la paura. Povera piccina, starà immaginando cosa sta per succedere sulla Terra.
Per fortuna una delle finestre è aperta. È un’impresa arrampicarsi sulle finestre, sono dannatamente scivolose, ma ci riesco.
Ora arriva la parte difficile: convincere la fata che il mio piano è l’unico che ci tirerà fuori dai guai tutti quanti.

(117)

Capitolo 32 - Robert Street
Capitolo 34 - Foto
The following two tabs change content below.
avatar

SaraIE

Passa il tempo libero fra libri, carte e penna, suona in una piccola orchestra e ama tenersi impegnata giorno e notte. Studentessa sognatrice, 18enne, vive in Svizzera con la sua famiglia, le piace interpretare le voci quando legge e non ha mai abbandonato le storie di fantasia, anzi, semmai si è irrevocabilmente persa fra i boschi degli elfi, le caverne dei nani, i cieli delle fate e gli abissi delle sirene. Ma, secondo la sua filosofia, prima di fare ordine ci deve essere il caos e prima del sapersi orientare non si può fare a meno di perdersi. Non preoccupatevi se vi sembra strano quello che scrive... Proseguite che alla fine vi ritroverete 😉
avatar

Ultimi post di SaraIE (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Cookies permettono alle Lande Incantate di riconoscerti la prossima volta che tornerai a farci visita. Navigando sulle nostre pagine ci autorizzi a farne uso per rendere la tua esperienza migliore. Maggiori informazioni | Chiudi